Perchè in tanti falliscono nel classificare parti standard

Come evitare gli errori più frequenti nella classificazione di parti standard

Considerando l'enorme quantità di componenti esistenti, non stupisce se ad un certo punto ci si trova nel caos e con una gestione inefficiente delle parti. Per molti la soluzione sembra facile: creare un semplice sistema di classificazione basato sulle proprietà fisiche dei componenti. Ma quando si comincia ad occuparsene davvero, ci si scontra presto con vari problemi nell'implementare un tale sistema. Tra questi, ad esempio, la soggettività delle categorie, le procedure di ricerca non univoche e la scarsa integrabilità negli altri ambienti di lavoro. Già solo il tentativo di trovare una concezione univoca per classificare un numero così elevato di parti può portare alla rinuncia di una tale impresa. Spesso alla fine si arriva al fallimento del progetto di classificazione o comunque a un risultato che porta un valore aggiunto molto limitato.

I sistemi di classificazione sono presenti ovunque nella nostra vita quotidiana e indispensabili per chiunque voglia mettere in ordine qualcosa in modo logico. Un esempio, che la maggior parte di noi si dovrebbe ricordare ancora dalle lezioni di biologia, è il metodo di classificazione tassonomica di Carl von Linne (noto come Linneo).

Classification after Carl von Linne
Per rinfrescare la memoria: la tassonomia di Linneo è questo diagramma ad albero che si suddivide progressivamente in diversi regni, ceppi, classi, ordini, famiglie, etc. per mostrare il grado di parentela di animali e piante.

Un altro sistema di classificazione molto noto è quello in uso nelle biblioteche: il cosiddetto sistema di classificazione decimale categorizza i libri, che vengono identificati con una serie di numeri che corrispondono al tipo di libro. In questo sistema ci sono dieci classi principali distinte, come filosofia, religione, scienze sociali, etc. in cui rientrano tutti i libri. Poi segue un punto decimale, seguito da una serie di numeri che definiscono ulterioremente il libro. In questo modo, tramite l'assegnazione di un codice che definisce il contenuto, è possibile cercare uno specifico argomento e trovare sicuramente un libro che lo tratta.

Decimal Classification System
La tassonomia biologica e il sistema decimale sono, nella loro struttura, molto simili alle funzioni di classificazione per parti standard dei moderni programmi CAD. Iniziando con un numero di categorie principali relativamente piccolo, le parti vengono inizialmente suddivise in categorie e di seguito assortite in gruppi sempre più piccoli e specifici.

Anche se fino ad ora non esiste alcuna definizione universale di classificazione di parti, esistono però alcuni sistemi di classificazione di parti standard spesso utilizzati soprattutto nell'industria. I due esempi più noti sono eCl@ss e UNSPCS. eCl@ss propone una struttura organizzativa molto dettagliata, mentre UNSPCS utilizza una tassonomia neutra, che include le classi di prodotto e i servizi, ma senza descrizioni. Anche se in tutto ci sono quattro livelli per la classifcazione eCl@ss, il sistema inizia dal livello più alto con 30 diverse classi principali, ciascuna delle quali si suddivide a sua volta in ulteriori colonne. E' facile capire dunque come il numero delle possibili sottocategorie diventi molto elevato.

Anche se dovrebbe essere semplice, non esiste una soluzione che funzioni al 100%

I problemi iniziano quando non è chiaro il livello di precisione della classificazione. Prendiamo ad esempio l'acquisizione di un nuovo libro sulla medicina dello sport in una biblioteca. Iniziando dalla categoria più ampia del settore, si pone la domanda se si tratti di un libro da mettere sotto Scienze o sotto Tempo libero. Cosa succede se due persone hanno due interpretazioni diverse? Questo problema naturalmente si riflette anche sul loro progetto di classificazione.

Anche se possono esserci delle regole su come si classifichi dall'alto verso il basso, non significa che questo sia capito intuitivamente anche dai collaboratori. Se non tutti possono comprendere il pensiero che sta alla base del processo di classificazione si spreca molto tempo, in quanto un collaboratore non riesce a trovare velocemente il componente che sta cercando. Questo è il primo motivo per cui un progetto di classificazione potrebbe fallire.

Classification System vs. Intelligent Finding

Un sistema di classificazione che non sia fruibile intuitivamente a tutti i collaboratori crea confusione durante il suo apprendimento e rende difficile trovare quello che si sta cercando. Inoltre, l'efficacia viene compromessa seriamente dall'idea che "se posso trovarlo io, perchè non dovrebbero farcela anche gli altri?". Le limitate opzioni di ricerca spesso non bastano per trovare una parte che corrisponda a precisi criteri.

Cosa deve fare un progettista per trovare il componente che vuole utilizzare? Se non si tratta esattamente di una vite o di un bullone standard, non è così scontato sapere a chi rivolgersi. Spesso i progettisti preferiscono crearsi da soli la parte che gli serve piuttosto che effettuare lunghe ricerche. Ciò genera ulteriori problemi, in quanto si creano doppioni di parti già presenti nel sistema.

Infine, in molti sistemi di classificazione di parti standard manca l'integrazione agli altri processi aziendali, come gli Acquisti e la Logistica. Questa comunicazione è essenziale per la progettazione generale del prodotto. La mancanza di comunicazione può causare costi molto elevati se un errore nella progettazione viene rilevato troppo tardi. Un programma che offre al progettista una panoramica sui prodotti presenti e autorizzati in azienda evita che lo stesso componente sia creato di nuovo, facendo risparmiare tempo ed evitando confusione.

C'è un motivo per cui non tutti devono usare il sistema di calssificazione decimale per trovare un libro in biblioteca: nel frattempo in quasi tutte le biblioteche esso è stato sostituito da funzioni di ricerca molto più semplici e veloci con il computer. Il Computer Aided Design (CAD) è al confronto ancora una tecnologia giovane nel mondo della progettazione e serve un certo periodo di tempo prima che il problema della eccessiva quantità di componenti diventi evidente. Ma questo momento si avvicina velocemente. Senza una mentalità aperta a nuove soluzioni, i problemi degli attuali sistemi di classificazione cresceranno nella misura in cui lievitano le librerie di parti. I progettisti sperano di poter trovare i componenti velocemente, ma fino a poco tempo fa non avevano gli strumenti necessari.

Fortunatamente esistono nuove soluzioni a questi problemi che consistono in una combinazione tra classificazione e funzioni di ricerca avanzate e che consentono una gestione delle parti intuitiva e user-friendly. Come disse Albert Einstein: “Se continui a fare quello che hai sempre fatto, otterrai solo quello che hai sempre ottenuto.”

Guardate il confronto tra i metodi di Classificazione VS. Intelligent Finding su: www.cadenas.it/ricerca-per-similarita-geometrica/classificazione-vs-intelligent-find

Per maggiori informazioni sull'Intelligent Finding: www.cadenas.it/ricerca-per-similarita-geometrica/trovare-in-modo-intelligente e sulla Classificazione: www.cadenas.it/ricerca-per-similarita-geometrica/classification-master-data/tools

Tutte le informazioni sulla motivazione della Gestione Strategica delle Parti: www.cadenas.it/gestione-delle-parti/motivazione

Torna indietro